I&P – V Master dell’Extravergine di Qualità –

 

Ormai è diventato un appuntamento abituale per lo staff, i soci e per i brand ambassador: il Master I&P sull’extravergine di qualità. Giunto alla quinta edizione, fa parte di un lungo percorso di formazione, approfondimento, studio e confronto volto ad alzare sempre  piu’ in alto l’asticella dell’eccellenza.

Il regista è sempre lui : il fondatore Paolo Borzatta

Il docente è il Maestro d’olio Fausto Borella.

Anche quest’anno il programma molto è stato molto intenso e dettagliato, preparato con la professionalità  e l’impeccabile cura per il dettaglio, tratto distintivo del marchio I&P.

L’anno scorso il focus era stato su 2 cultivar importanti come Frantoio e Leccino, sui 7 difetti dell’olio (morchia, muffa, metallico, avvinato, rancido, riscaldo, verme) e sulle principali cultivar spagnole Picual, Cornicabra, Hojiblanca and Arbequina.

Risotto allo zafferano con liquerizia. Abbinamento Olio: Gran Cru Gioacchina (caninese). Abbinamento Vino : Champagne R.Pouillon “Le Valons”.

Quest’anno invece è toccato alla varietà nocellara di cui sono state analizzate le caratteristiche tassonomiche e agronomiche, seguite da una trasversale sulle 3 diverse tipologie Belice, Messinese ed Etnea. Il maestro ha proposto anche qualche fuori programma con un’ottima tonda iblea ed una rara cultivar calabrese, la cannavà.

Ci si sposta poi in Grecia, analizzata secondo le caratteristiche climatiche e morfologiche, lo sviluppo economico del settore – seguito da una  trasversale di olî greci di eccellenza.

Degno di nota l’intervento del produttore di casa con una lezione magistrale sulle componenti aromatiche dell’olio, i primi risultati dalla ricerca, il paragone con il vino (a tal proposito si suggerisce  la lettura del libro “Il respiro del vino. Conoscere il profumo del vino per bere con maggior piacere di Luigi Moio” segnalata dall’ambasciatrice Daniela Massolo).

Bacalao Islandia al vapore nature con finocchietto in agrodolce della Tuscia e cicoria selvaggia ripassata. Abbinamento OLIO: Gran Cru Musignano (caninese). Abbinamento Vino Champagne Marguet Shaman 14 Rosè

Strepitosa sorpresa per il pranzo: sale in cattedra il grande Manlio Giustiniani che ha abbinato i migliori calici di Champagne ai monocultivar I&P negli squisiti piatti preparati dallo Chef Paolo Borzatta.

 

L’appuntamento è rinnovato per l’anno prossimo.

Le foto a corredo dell’articolo sono state gentilmente concesse da :

Emanuela Peroni (ambasciatrice I&P)

Tiziana Ciaralli (ambasciatrice I&P)

Daniela Massolo (ambasciatrice I&P)

Lascia un commento