Una giornata intera Vinitaly e SolAgrifood – percorso itinerante

Anche per la 52esima edizione il Vinitaly e SolAgrifood regalano emozioni uniche.

L’idea di ritrovarsi nel bel mezzo un’area di 95 mila metri quadrati  con più di 4000 espositori, può offrire un iniziale senso di smarrimento, ma con un briciolo di organizzazione ed un po’ di improvvisazione il risultato che si può ottenere in una sola giornata è eccezionale.

Apertura dei cancelli andiamo a visitare il padiglione del SolAgrifood  per andare a trovare i nostri amici produttori di Extravergine di alta qualità.

Tappa obbligata da Donato Conserva ad assaggiare i suoi preziosi prodotti ( Olio Extravergine di Oliva Mimì )ed a seguire pochi stand accanto da Pruneti ad incontrare i fratelloni.

Piacevoli scoperte : un’azienda agricola siciliana che porta a Verona il suo extravergine di prima produzione Olio delle Terre di Noto (Blend di Coratina, Tonda Iblea, Moresca e Nocellara del Belice) di prima produzione.

Poi assaggiamo qualcosa di  “locale” proveniente dai Colli Euganei abbiamo scoperto l’Extravergine Moonlight , ottenuto dalla olive di qualità autoctona Rasara raccolte a mano durante la prima notte di luna piena di ottobre…al chiaro di luna quindi…

Dopo questo breve excursus nel mondo dei grassi insaturi vegetali ed aver fatto scorta di un alto contenuto di antiossidanti fenolici siamo pronti per il Vino.

 

Cominciamo con le bollicine

Lombardia  – Franciacorta – dove veniamo bene accolti ed abbiamo assaggiato con notevole stupore le seguenti cantine:

Corte aura – Saten

Boccadoro – Rosè

Massussi – Brut e la Riserva 2009

 

Continuiamo con le bollicine ed passiamo in:

 

Emilia Romagna

Compagnia della spergola Progetto di valorizzazione su questo vitigno autoctono assaggiamo e segnaliamo

Metodo charmat Perlida

Metodo classico Ca Besina di Casali

 

Sempre bollicine …regione imperdibile ci spostiamo in Trentino

Cantina Abate Nero che ci offre l’extra brut e brut millesimato 2011 strepitosi entrambi.

Cantina della Volta  un’eccezione emiliana produce anche in metodo classico. Noi li abbiamo assaggiati quasi tutti tra cui la Novità vinitaly 2018 sorbara metodo classico 9 mesi

Veneto

Distellerie Nardini (questa tappa fa parte le percorso “improvvisiamo”)

Breve salto nella Sicilia occidentale a visitare  Pellegrino

 

 

TOSCANA

Tenuta il corno 

Qui abbiamo assaggiato quasi tutto piacevolmente accolti dalla titolare

San Camillo Chianti Riserva – Foss’ a spina Chianti DOCG – Minna e Moro IGTS –

Colorino IGT

Azienda Agricola San Quirico  

Vernaccia 2016 e Vernaccia Riserva 2008

Castello Romotorio

dove abbiamo concluso con il Morellino di Scansano ed un ottimo Brunello

 

Wine/Evoo Lover

Giuseppe Salone

Deborah Ferraguti

 

Lascia un commento